Biografia

Dopo un brillante esordio in qualità di danzatrice su palcoscenici e in importanti trasmissioni televisive, inizia la sua carriera di attrice con Le ragazze di lisistrata per la regia di Antonio Calenda. Vanno ricordati inoltre: Alta distensione di Campanile, regia di Antonio Calenda, Zoo di vetro di Williams, regia di Vanna Polverosi, Il sistema Ribadier di Feydeau, regia di Gigi Proietti, La tana di Bassetti, per cui ha ottenuto il premio IDI, Arcobaleno di Dino Verde, regia di Gino Landi, Il volo del gallo, di Bassetti, regia di Marco Maltauro, Rosanero di Cavosi, regia di Antonio Calenda ( Premio Critica Italiana 1995) e sempre con lo stesso regista Le due sorelle di Bassetti (Premio Randone 1997). Nell’estate 1997 a Taormina Arte ha partecipato allo spettacolo Heroides per la regia di Adriano Vianello.

E’ stata protagonista nell’oratorio Giovanna d’Arco al rogo di Arthur Honegger e Paul Claudel, regia di Antonio Calenda, direzione del M° Julian Kovatchev. Fra gli ultimi spettacoli teatrali di cui è stata protagonista vanno ricordati Irma la dolce di Alexandre Breffort e Margherite Monnot e Antigone di Jean Anouilh nella versione italiana e regia di Furio Bordon.

Il regista Alfredo Arias l’ha scelta nel 2002 quale protagonista di Pallido oggetto del desiderio di Renè de Ceccatty, interpretazione che – assieme a quelle recenti di Cassandra nell’Agamennone e di Elettra in Coefore, diretti da Antonio Calenda – le è valsa nel 2003 il Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro. Il ruolo di Corifea in Eumenidi le è valso il premio della stampa siciliana quale miglior interprete femminile dell’intero ciclo di spettacoli classici al Teatro Greco di Siracusa 2003.

Dal 2004 fino all’intera stagione 2005-2006 ha recitato nel ruolo della dolce Cordelia nel Re Lear di Shakespeare, per la regia di Antonio Calenda al fianco di Roberto Herlitzka. Nella primavera del 2005 il Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia si è impegnato in un’interessante coproduzione con il Centro Mobilità delle Arti e con il Teatro Mercat de les Flors di Barcellona: Fighting Dogs. Lo spettacolo diretto da Andrès Morte ha regalato a Daniela Giovanetti un personale successo per un’interpretazione intensa e particolare.

Nel novembre 2006 è protagonista del monologo di Claudio Magris Lei dunque capirà, messo in scena per la regia di Antonio Calenda dal Teatro stabile del Friuli-Venezia Giulia: con questo spettacolo è stata in tournèe nazionale per l’intera stagione 2006-2007.

Nell’ottobre 2009 è protagonista con a Massimo De Francovich dello spettacolo La notte dell’angelo di Furio Bordon messo in scena dallo stesso autore.

Nel gennaio 2011 è l’interprete del monologo Kammerspiel di Daniel Call per la regia di Paolo Emilio Landi.